Studio Ascended: il cofondatore di Buck Ryan Honey nel SOM PODCAST

Vi siete mai chiesti come si fa a essere assunti come motion designer o cosa serve per costruire uno degli studi di motion design di maggior successo al mondo? Ryan Honey, cofondatore di Buck, risponde a queste e altre domande nell'ultimo episodio del Podcast di School of Motion.

Ospite dell'episodio 74 del Podcast School of Motion, Ryan Honey ha co-fondato Buck, l'apice degli studi di motion design, e oggi ne è il direttore creativo, supervisionando "un collettivo di designer, artisti e narratori" che lavorano con clienti del settore pubblicitario, radiotelevisivo, cinematografico e dell'intrattenimento, oltre che con organizzazioni non profit come Alcoholics Anonymous, Childline e Good Books:

Considerato ' gli studi di motion design di Harvard Buck è una premiata società di produzione creativa orientata al design con uffici a Los Angeles, Brooklyn e Sydney; Ryan è un veterano del design e della creazione di contenuti da 15 anni che ha prodotto lavori innovativi e memorabili per conto di Google, Apple, Facebook, Coca Cola, Nike, McDonald's e... avete capito bene.

Nell'episodio di oggi, Ryan parla con Joey del settore del motion design, dello sviluppo del suo studio, di ciò che Buck cerca nei potenziali candidati al lavoro, della cultura aziendale e di come la creatività e la collaborazione influenzino - e siano influenzate - dall'ambiente di lavoro di Buck: dove "si sforzano quotidianamente di creare un ambiente che generi una cultura dell'eccellenza, pur rimanendo divertente, collaborativo ed egoistico".libero".

RYAN HONEY, BUCK CO-FONDATORE E DIRETTORE CREATIVO, SUL PODCAST DI SCHOOL OF MOTION

Se siete alla ricerca di uno scoop da insider su come sfondare nel settore del motion design, lasciatevi guidare da questo audio.

COME FARSI ASSUMERE: UN EBOOK GRATUITO CON RYAN HONEY

Volete saperne di più su cosa serve per essere assunti come Motion Designer presso i più grandi studi cinematografici del mondo? Imparate da Ryan Honey e da altri leader del settore a Come farsi assumere , un ebook gratuito con le intuizioni dei migliori del settore.

Scaricare Come farsi assumere

Scarica ora

NOTE DELLA PUNTATA 74 DEL PODCAST SCHOOL OF MOTION, CON RYAN HONEY

Ecco alcuni link chiave a cui si è fatto riferimento durante la conversazione:

RYAN MIELE

  • Ryan
  • Buck

ARTISTI E STUDI

  • David Carson
  • Simon Assaad
  • GMUNK
  • Justin Harder
  • Yker Moreno
  • Jose Fuentes
  • Thomas Schmidt
  • Benjamin Langsfeld
  • Bradley G. Munkowitz
  • Jeff Ellermeyer
  • Orion Tait
  • Ryan McGrath
  • Una scuola nuova di zecca
  • Psyop
  • Studio Stardust
  • Esopoli
  • Teoria del movimento
  • LOGAN
  • Gareth O'Brien
  • Joel Pilger

PEZZI

  • Metamorfosi, per Good Books
  • Film di apertura - Evento di marzo 2019, per Apple

RISORSE

  • Scuola di cinema di Vancouver
  • Sito web pesante
  • Canale YouTube Heavy
  • Mograph.net
  • Buckminster Fuller
  • Dropbox
  • Telaio
  • Miscela
  • Slapstick
  • Mograph Memes
  • Behance

VARIE

  • Homestar Runner

La trascrizione dell'intervista di Ryan Honey con Joey Korenman di SOM

Joey Korenman: Oh, ragazzi, va bene, allora ascoltate. Ho fatto molte interviste a questo punto e sono abbastanza a mio agio nel farle, ma questa mi ha reso un po' nervoso. Ho sentito un po' più di pressione del solito per fare un buon lavoro e per assicurarmi che voi, cari ascoltatori, riceviate un valore assurdo dai rumori che farò con la mia bocca nel corso di questo episodio. Non volevo rovinare tutto, quindi...Ho fatto i compiti a casa e mi sono documentato a fondo sul mio ospite di oggi, Ryan Honey, cofondatore di Buck. Se avete già ascoltato questo podcast, sapete cosa penso di Buck e del lavoro che ha fatto. Sapete che è uno dei migliori studi del settore e che il suo lavoro ha lasciato a bocca aperta fin dal 2004. È l'Harvard delle aziende di motion design. È molto difficile entrare e una voltaSe ce l'hai fatta a Buck, puoi farcela ovunque.

Joey Korenman: Occupa un posto molto speciale nel nostro settore e credo che gran parte del merito vada alla dirigenza che ha costruito una cultura della creatività davvero incredibile per la famiglia Buck. In questa intervista, Ryan ci racconta cosa c'è voluto per creare Buck e per vederla crescere fino a diventare l'azienda sorprendentemente grande che è oggi. Scoprirete cosa cercano nel personale.Sentirete parlare dei dolori della crescita, delle lezioni apprese, delle grandi vittorie, di come si sono adattati al cambiamento del settore e di molto altro ancora. Ryan è incredibilmente aperto su tutto e non si trattiene e devo dire che ho imparato una quantità impressionante di cose parlando con lui e so che lo farete anche voi. Quindi, se siete un nuovo artista o se state attualmente gestendo il vostro studio, questa conversazione haQuindi ecco a voi Ryan Honey of Buck!

Joey Korenman: Ryan Honey, è fantastico averti nel podcast. Apprezzo molto il fatto che tu abbia dedicato del tempo alla tua probabilmente folle agenda. Quindi, grazie per averlo fatto, amico. Non vedo l'ora di parlare.

Ryan Honey: Il piacere è mio.

Joey Korenman: Di solito mi collego al profilo LinkedIn di tutti coloro che partecipano al podcast e vado fino in fondo, e ho visto che lei è laureato in economia al Colorado College, cosa che non sapevo, e non so quanti titolari di studio abbiano una laurea in economia. Mi chiedevo quindi come sia passato da lì a lavorare nel settore della ristorazione.industria dell'animazione?

Ryan Honey: Sì, mio padre ha accettato di pagarmi l'università, ma solo se mi fossi laureata in economia. Così è successo. Dopo la laurea, ho capito che non mi interessava l'economia e mi sono presa un anno di pausa e ho vissuto a Londra per un anno cercando di capire cosa avrei fatto. Ho fatto la barista in un wine bar, ho lavorato in un paio di ristoranti e poi un mio amico ha saputo che mi interessava l'economia.Nel tempo libero facevo un po' di programmazione di computer, eccetera, e lei mi ha suggerito di frequentare una scuola a Vancouver, la Vancouver Film School, che aveva una sorta di nuovo programma multimediale, e l'ho fatto. Credo fosse il 1996, ed era il diciassettesimo programma che avevano fatto, e si trattava di un corso di 10 mesi in cui si facevano due mesi in ogni disciplina, dal web al web.design, alla produzione musicale, all'editing, al design grafico, eccetera, e naturalmente all'animazione, e poi questo è ciò che ha scatenato il mio interesse e ho iniziato ad animare in Flash. Credo fosse Flash 2. Ed è così che sono entrato in ...

Joey Korenman Allora, perché suo padre voleva che lei studiasse economia? Perché quella specializzazione?

Ryan Honey: È una specie di tradizione di famiglia, suppongo. I miei fratelli hanno entrambi un MBA e anche mio padre... Beh, lui si è laureato in legge ma ha anche studiato economia e ha pensato che la laurea più utile fosse quella in economia.

Joey Korenman: È molto interessante, perché voglio approfondire questo aspetto un po' più avanti, ma voglio dire che molti proprietari di studi professionali sentono che questo è il pezzo che manca loro. Vengono da un background creativo e artistico e magari la loro madre era una pittrice e il loro padre un illustratore, ma la tua famiglia, a quanto pare, era una specie di uomo d'affari. Credi che questo abbia avuto una sorta di influenza sulla tua famiglia?la decisione di avviare un'attività in proprio e di essere un imprenditore?

Ryan Honey: Credo che non mi piaccia lavorare per altre persone, probabilmente è per questo...

Joey Korenman: Mi sembra giusto, non impiegabile.

Ryan Honey: Sì. Ho lavorato per un giorno in un'agenzia pubblicitaria a New York e ho subito smesso. Credo che se non avessi avviato un'attività in proprio, probabilmente sarei un libero professionista, se dovessi tirare a indovinare.

Joey Korenman: Già, cos'è che ti ha spinto a lasciare l'agenzia pubblicitaria dopo 24 ore?

Ryan Honey: La risposta sincera è stata che sono andato a una riunione con il mio superiore, che era una donna, e lei mi ha messo una mano sulla coscia durante il viaggio in taxi.

Joey Korenman: Al primo giorno?

Ryan Honey: Sì.

Joey Korenman: Purtroppo questa non è la storia peggiore che ho sentito sul lavoro nelle agenzie pubblicitarie.

Ryan Honey: E anche il lavoro in sé era poco stimolante.

Joey Korenman: Giusto. Inoltre, il lavoro non era buono. Capito, ok, bene. Allora, hai accennato... hai saltato un po' la questione, ma voglio scavare un po'. Hai passato un anno a Londra come barista in un wine bar, era una specie di progetto? Volevi espandere i tuoi orizzonti o era una specie di "non ho idea di cosa sto facendo, lasciami fare qualcosa di divertente"?

Ryan Honey: Avevo un amico che... un amico d'infanzia che faceva l'attore a Londra e cercava un coinquilino, così ho deciso di andare a vivere con lui e avevo un'amica, una fidanzata, che faceva la parrucchiera, così ho seguito anche lei.

Joey Korenman: Sembra proprio così e c'è sempre questa versione romantica dell'andare all'estero e viaggiare con lo zaino in spalla per l'Europa e poi tornare e diventare una persona cambiata, tu hai avuto qualcosa di tutto questo o è stato solo un anno di divertimento?

Ryan Honey: Sì, insomma, facevo il barista, quindi non ero un granché, e Londra è molto costosa e incredibilmente fredda d'inverno, anche se io vengo dal Canada, il freddo umido è stato piuttosto miserabile. Quindi, non è stata esattamente un'esperienza piacevole, mettiamola così.

Joey Korenman: Bene, bene. Quindi alla fine sei partita da lì e ti sei trasferita subito a New York o hai girato un po' in lungo e in largo?

Ryan Honey: No, sono andato a Vancouver per 10 mesi e ho fatto il corso... O meglio, è stato circa un anno che ho fatto il corso alla Vancouver Film School, il corso multimediale, e poi sono andato a New York per vedere alcuni amici. Sono stato nella fattoria di un amico a North Fork per un po' di tempo dopo l'università e poi sono andato in città e quando sono sceso dall'auto, stavamo andando a cenare in un ristorante chiamato Lucky.Quando sono sceso dall'auto, ho visto una ragazza che conoscevo da Vancouver e che era con due ragazzi, Dave Carson e Simon Assaad, e lei me li ha presentati e alla fine sono diventati i miei primi soci in affari. Non ho lavorato subito con loro, ma per circa un anno sono stato a New York City come freelance per loro e anche per spacciare marijuana in bicicletta.

Joey Korenman: Perfetto.

Ryan Honey: E...

Joey Korenman: Cosa era più redditizio?

Ryan Honey: Lo spaccio di marijuana, di sicuro. E poi... Come ha funzionato? Oh, giusto, abbiamo fatto una campagna Flash per IBM, uno dei primi spot animati online che ha vinto un sacco di premi e poi il lavoro ha iniziato ad arrivare. Questo è stato per una società chiamata Compound Heavy Industries in una specie di zona di Times Square che era di proprietà di questi due ragazzi, Dave e Simon, e poi due altriCosì, abbiamo iniziato a ottenere lavoro e poi sono entrato a tempo pieno e abbiamo iniziato a fare... Dalla produzione di spot pubblicitari animati in Flash, abbiamo iniziato a fare spettacoli animati in Flash, spettacoli comici, cartoni animati e da lì, in un certo senso, è nato Heavy.com e poi sono diventato socio e abbiamo raccolto un po' di soldi e Heavy.com ha avuto il suo periodo di massimo splendore dal '98 al '01 circa, fino al crollo, se volete.

Joey Korenman: A destra.

Ryan Honey: Poi i soldi sono finiti e per mandare avanti l'azienda ho iniziato a dirigere spot pubblicitari ed è stato allora che ho coinvolto persone come GMUNK, che all'epoca si trovava a Londra, Justin Harder e poi Yker Moreno e Jose Fuentes e infine Thomas Schmidt e Ben Langsfeld e quel gruppo ha iniziato a realizzare motion graphics e spot animati.È allora che è nato il Team Heavy.

Joey Korenman: Quindi, quando dici che facevi cartoni animati in Flash, stai parlando di... Perché mi ricordo il periodo di massimo splendore di Homestar Runner e di questi strani cartoni animati online. È di questo che stai parlando o intendi l'uso di Flash come strumento di animazione per la trasmissione?

Ryan Honey: Sì, l'idea era che avremmo creato queste proprietà per Heavy.com e Heavy sarebbe stato gratuito e avevamo queste proprietà animate e alla fine, probabilmente, avevamo circa 12 proprietà. Alcune erano in live action, altre erano animate. Ho cercato nel mio Rolodex tutte le persone che conoscevo al mondo e le ho ingaggiate per fare cose che non avevano mai fatto prima. Avevamo... vediamo le liveAvevamo uno show chiamato Hypnotics, che era uno show hip hop, uno show chiamato Heavy Petting, che era uno show sessuale, avevamo... Vediamo, cos'altro? Sabotage, che era una specie di show di scherzi, il Jimmy Show, che era di un mio amico del college, Jimmy Jellinek, che era una specie di show di giornalisti fuori dagli schemi e poi avevamo anche D Life, che era una specie di show per i giornalisti.Alcuni di loro erano miei amici d'infanzia, altri erano compagni di università, altri ancora erano amici di New York City.

Ryan Honey: Poi c'erano le serie animate, come You Suck, Munchy Man e Fatty, Behind the Music That Sucks, quindi una sorta di parodia, perlopiù, che veniva finanziata da investimenti e l'idea era quella di vendere queste proprietà alle reti via cavo e poi continuare a sviluppare spettacoli per Heavy.com, ma non eravamo molto consapevoli della creazione di contenuti che fossero commercialmentepraticabile ...

Joey Korenman: Sembra proprio di sì.

Ryan Honey: Anche se credo che abbiamo ottenuto qualche... credo che ci fosse un network universitario, non ricordo come si chiamasse, ma qualcosa di simile a Bear, che ha concesso in licenza parte del materiale, il che ha tenuto le luci accese per un po', ma alla fine non siamo riusciti a ottenere pubblicità e abbiamo cercato di renderlo un sito web a pagamento, il che ci è tornato indietro e quindi abbiamo usato il settore commerciale per finanziarlo per un certo periodo.e questo non era sostenibile, così nel 2003 me ne sono andato.

Joey Korenman: Ho controllato e Heavy.com è ancora in circolazione e sembra... Presumo che ora sia un'azienda molto diversa. In cosa si è trasformata?

Ryan Honey: Credo che l'azienda sia di proprietà esclusiva di Simon Assaad, che la dirige, e da quello che ho capito è un aggregatore di notizie, che aggrega le notizie e credo abbia anche degli scrittori, ma che aggrega le notizie, scrive i propri contenuti e poi vende pubblicità intorno ad essi.

Joey Korenman: Ok, quindi sei a New York e stai producendo questi strani cartoni animati pornografici in Flash...

Ryan Honey: Sì, è un po' lontano, credo, ma...

Joey Korenman: Spero davvero che alcune di queste cose siano su YouTube. Mi piacerebbe ...

Ryan Honey: Ne dubito.

Joey Korenman: Ma poi hai detto che hai portato con te persone di grande talento che sono ancora molto conosciute nel nostro settore, GMUNK, Yker e Justin Harder. Come hai conosciuto queste persone all'epoca? Come le hai incontrate?

Ryan Honey: Credo che sia stato internet, il fatto di essere in una sorta di, all'epoca, piccolo gioco di contenuti online e non molte persone stavano creando... Per gli spettacoli, dovevamo fare tutto il packaging e io mi occupavo anche del design del sito web e di mantenerlo.L'ho portato qui e ha vissuto con me per un po' e mia moglie, una persona molto... Se conoscete Bradley, è un personaggio molto grande, molto divertente.

Joey Korenman: È divertente.

Ryan Honey: Mi svegliavo al mattino e lui stava usando la sua cosa elastica con le braccia ai piedi del mio letto parlando a un chilometro al minuto.

Joey Korenman: Glielo chiederò.

Ryan Honey: Sì, sì. Sì, quindi credo che sia... E poi Justin Harder, che abbiamo fatto uscire da scuola, ha fatto domanda per il lavoro e l'abbiamo assunto, e credo che un po' sia stato il passaparola e sì, e poi Jose Fuentes, che lavora ancora con noi e anche Yker, era uno stagista, quindi anche lui è uscito dal college.

Joey Korenman: Era come ai tempi di Mograph.net? Frequentavi le bacheche o tenevi d'occhio gli studi e cose del genere.

Ryan Honey: Sicuramente erano i giorni di Mograph.net, ma c'era anche quello.

Joey Korenman: Allora, per prepararmi a questa conversazione, ho contattato alcune persone che hanno lavorato alla Buck nel corso degli anni e che la conoscono e ho sentito una voce secondo la quale la formazione della Buck sarebbe stata in qualche modo legata a un annuncio su Craigslist e ho cercato di trovarne traccia online, ma non ci sono riuscito. Quindi, la lascio lì e lascio che se ne occupi lei.

Ryan Honey: Ok, sì, è una storia divertente: quando ero alla Heavy, uno dei miei direttori artistici era un certo Orion Tate, che forse conoscete.

Joey Korenman: Già.

Ryan Honey: Orion decise di tornare a Santa Barbara, da dove proveniva, e così lasciò Heavy, credo che stesse ancora lavorando come freelance da lì, e un giorno mi mandò un'email dicendomi: "Perché non ti trasferisci in California e iniziamo la nostra attività e ci concentriamo sulla motion graphics e sull'animazione".Abbiamo appena avuto nostra figlia e ho bisogno di guadagnare ancora un po' di soldi prima di pensare di trasferirmi lì, e lui mi ha detto: "Beh, se riesco a trovarti un lavoro qui, perché non vieni ad accettare quella posizione e lavori lì per un anno e poi iniziamo la nostra attività". Ho pensato che fosse un'idea grandiosa e così mi ha mandato... La prima cosa che mi ha mandato è stato un annuncio su Craigslist per un creativo.Avevo appena inviato... un sito di portfolio che avevo costruito qualche tempo prima, l'ho inviato e il giorno dopo mi ha chiamato. Si chiamava Jeff Ellermeyer e mi ha detto: "Perché tu, tua moglie e tua figlia non venite a Los Angeles e ci incontriamo".

Ryan Honey: Così, ci siamo incontrati in un hotel in cui alloggiavamo e mi sono seduto e la prima cosa che mi ha detto è stata: "Verrai a lavorare per me per circa un anno e poi andrai ad avviare un'attività in proprio". Quindi, perché non avviare subito una nuova attività e dividerla a metà? È stato piuttosto facile, una decisione piuttosto facile per me. Sono tornato a New York e ho fatto le valigie.Ho deciso di trasferirmi a Los Angeles e la prima persona che ho assunto è stata Orion; cinque anni dopo, credo, o forse anche meno, quattro anni dopo, Orion si è trasferito a New York per avviare l'ufficio di New York e ora siamo tutti e tre soci in terza persona. Abbiamo finito per far uscire la società e un altro socio.

Joey Korenman: Bene, allora parliamo di quei primi giorni. Io ho già sentito questa storia, ma scommetto che molti ascoltatori non l'hanno sentita. Allora, da dove viene il nome Buck?

Ryan Honey: Buck deriva da Buckminster Fuller. La prima azienda di Jeff, Fullerene, era ...

Joey Korenman: Fullerene, sì.

Ryan Honey: Il fullerene, per chi non lo sapesse, è la molecola che assomiglia a una cupola geodetica e che è stata progettata da Buckminster Fuller. Quando abbiamo fondato l'azienda e stavamo pensando ai nomi, il motivo per cui ha scelto quel nome per la sua attività, che era più che altro un negozio di web design, era questa sorta di idea del matrimonio tra arte e scienza e, se sapete, il nome è stato scelto da Buckminster Fuller.Chi è Buckminster Fuller, è stato un architetto prolifico ma anche un futurista e un pensatore importante nella storia americana, è stato anche un inventore e ha davvero abbracciato questa idea di arte e scienza e di sostenibilità ed è stato una sorta di teorico in quell'area. Ci piaceva quello che rappresentava ma, naturalmente, Fullerene è come questo nome strano che tutti non riescono a dire correttamente e lo guardano e si chiedonoAbbiamo solo ridotto il prezzo a Buck.

Joey Korenman: E all'epoca, aveva la sensazione che Buck sarebbe diventata un giorno un'azienda enorme e che lei avrebbe detto Buck e avrebbe significato qualcosa di più di Buckminster Fuller?

Ryan Honey: Decisamente no. Abbiamo iniziato... credo che fossimo in cinque in un piccolo ufficio a Koreatown e di sicuro non l'avevo previsto.

Joey Korenman: Fantastico. Com'erano i primi tempi quando avete iniziato? Come vi siete divisi i ruoli?

Ryan Honey: Jeff era l'uomo d'affari, gestiva le finanze e aveva anche la sua società di web design, che all'epoca stava ancora concludendo, che si concentrava sull'industria musicale, mentre io e Orion ci occupavamo di tutto, dal design all'animazione, ai lanci. Eravamo produttori, venditori, registi di azioni dal vivo, tutto quello che si può immaginare, ma poi alla fine assumevamo... di assumere persone che si occupassero di alcuni di questi ruoli, pezzo per pezzo, e così via.

Joey Korenman: Quindi, quando Buck ha iniziato, questa è stata una sorta di prima età dell'oro del MoGraph, credo. Chi erano alcuni degli studi già esistenti a cui avete guardato per trarre ispirazione?

Ryan Honey: Sicuramente all'epoca c'erano Brand New School e Psyop, credo che Stardust fosse in circolazione. C'erano altre realtà più piccole che non ci sono più, come Exopolis, Motion Theory, LOGAN, ovviamente, che sono le principali.

Joey Korenman: Già, un viaggio nella memoria.

Ryan Honey: Già.

Joey Korenman: Quindi, questa è una cosa che ogni volta che parlo con i proprietari di studi che hanno appena avviato il loro studio e sono di quelle dimensioni, cinque, forse sei, sette persone, è una fase davvero difficile da attraversare e sopravvivere, francamente, perché molte cose cambiano quando si arriva a 10 dipendenti, giusto?

Ryan Honey: A destra.

Joey Korenman: Puoi parlarci di come è stato il processo di crescita di Buck? Cioè, è stato spaventoso o è avvenuto in modo naturale?

Ryan Honey: Ci sono stati alcuni momenti un po' spaventosi. Credo che abbiamo sempre avuto la convinzione che se avessimo investito nel fare un buon lavoro, avremmo potuto usarlo per ottenere più lavoro remunerativo e per noi ha funzionato così e quindi avremmo aggiunto persone e capacità e poi avremmo preso questi e avremmo preso tutti i nostri soldi e un po' di quelli della banca molte volte per fare un progetto e poi avremmo usatoche per uscire e ottenere lavori paganti e poi assumere altre persone e aggiungere altre capacità e poi uscire e fare un altro progetto in cui abbiamo investito e Jeff ha qualche capello grigio a causa della reale convinzione di Orion e di me che investire il nostro denaro personale in progetti avrebbe pagato.

Joey Korenman: È davvero interessante. Voglio dire, ora mi sembra che sia quasi... Come se tutti sapessero che questo è il segreto, che devi fare progetti con cui non stai guadagnando soldi per spingere il tuo studio in modo creativo per ottenere quei lavori più grandi. Ci hai appena superato. Hai detto che hai preso i soldi della banca. Avevate una linea di credito che stavate letteralmente usando per fare gli stipendi mentreche stavate realizzando progetti che non producevano denaro?

Ryan Honey: Sì.

Joey Korenman: È incredibile e francamente non ho mai sentito nessuno dirlo ad alta voce, quindi è un po'... È bello saperlo. Voglio dire, ha senso ed è davvero... È una di quelle cose che, come imprenditore, alla fine impari che è una cosa che puoi fare. Che non devi fare tutto da bootstrap. Puoi tipo... Ci sono modi per ottenere denaro. Come sapevi che...Era Jeff? Era una specie di uomo d'affari?

Ryan Honey: Sì, Jeff era in affari. È un po' più vecchio di noi e lavorava già da 8 o 10 anni, quindi era ben consapevole dei diversi modi in cui potevamo trovare le cose. Non si aspettava che spendessimo tutta la linea di credito per tre o quattro volte, ma aveva quella capacità che credo non avremmo avuto da soli, ma perché era in affari da un po' di tempo.e la banca si fidava di lui, avevamo accesso.

Joey Korenman: E' fantastico e questo succede ancora oggi, ma all'epoca, so che era molto diffusa l'idea di dover fare dei pitch per ottenere i lavori più importanti e ora, quando si arriva a una certa dimensione e si ha un fondo cassa, è un po' più facile investire denaro nei pitch, ma all'epoca, era mai spaventoso? C'erano mai momenti in cui ti chiedevi: "Beh, dobbiamo investire in questo perché è una cosa che non si può fare"?una buona opportunità, ma se non la otteniamo, abbiamo appena sprecato un sacco di soldi e ora siamo nei guai?

Ryan Honey: Sì, credo che siamo stati fortunati ad avere un certo successo iniziale con i lanci e credo che questo sia dovuto alle persone che abbiamo assunto all'inizio, all'inizio. Voglio dire, Thomas e Ben sono arrivati da Philadelphia e avevo lavorato con loro all'Heavy. Yker è arrivato, Jose era fuori. Quindi, tutti questi ragazzi sono arrivati e abbiamo davvero messo il naso giù e abbiamo lavorato sette giorni alla settimana cercando di vincere il lavoro e ci siamo riusciti,Come ho detto, abbiamo avuto un po' di successo iniziale e questo è stato anche alimentato, credo, dal nostro desiderio di fare un lavoro interessante per conto nostro e loro hanno visto questo come un vantaggio di essere alla Buck e quindi con il successo precedente, abbiamo avuto una sorta di maggiore fiducia e ci andava bene spendere i soldi, certamente siamo stati schiaffeggiati un paio di volte nel corso degli anni e rapidamente imparato che il pitching non è una scienza. Non si sa maiche è dall'altra parte a prendere le decisioni, ma sì, credo che abbiamo avuto molta fiducia in noi stessi e siamo andati alla grande su tutto.

Joey Korenman: È un modo molto interessante di parlare dei lanci, che non sono una scienza, perché penserei che dopo un po' di tempo ci si renda conto che, in media, vinciamo tre volte su otto lanci e si può quasi contare su questo. Non è così? È davvero solo un gioco di prestigio?

Ryan Honey: Penso che al giorno d'oggi sia più difficile che in passato, perché in passato... quando parlavi con qualcuno del progetto, parlavi con le persone che prendevano le decisioni. Quindi, se si trattava dei creativi dell'agenzia, ti davano indicazioni in base a ciò che volevano vedere. Ora, nel corso degli anni, è cambiato: sono loro a darti le indicazioni.basandosi su ciò che pensano di farvi vedere, senza sapere realmente cosa vuole vedere il loro cliente. Quindi, non so dirvi. Credo che la cosiddetta raccomandazione sia ormai il bacio della morte. Non credo che il cliente abbia mai scelto, negli ultimi tre o quattro anni, la raccomandazione delle agenzie.

Joey Korenman: E pensa che questo sia dovuto al fatto che le agenzie sono probabilmente un po' più predisposte a sperimentare cose interessanti, mentre un cliente vuole solo vendere più fagioli o altro?

Ryan Honey: Penso che sia una combinazione di cose: una è la mancanza di fiducia tra le agenzie e i loro clienti, l'altra è che le persone che lavorano nelle agenzie cercano di fare cose interessanti per la loro bobina, in modo da poter passare alla fase successiva della carriera e... Quindi, spingono sempre la creatività, il che è ottimo per noi, ma per i loro clienti, come ha detto lei, non sono così interessati a questo.Di solito, a volte succede, ma per lo più sono interessati a vendere i loro prodotti.

Joey Korenman: Va bene, quindi state attraversando questa fase di crescita, state ottenendo alcuni primi successi e presumo che stiate mettendo insieme il team man mano che procedete. Quindi, quanto è diventata grande l'azienda prima di diventare bicolore e aprire l'ufficio di New York?

Ryan Honey: Credo che all'epoca fossimo intorno ai 30, ed era il 2006? Sì. E molti dei ragazzi che si erano trasferiti dalla East Coast sono tornati. È così che abbiamo fondato New York. New York è ovviamente Orion. Orion voleva tornare a New York. Sua moglie voleva stare più vicina a sua madre. Abbiamo pensato: "Questo è un momento come un altro per fare qualcosa".e così l'abbiamo fatto e lui ha portato con sé molti dei creativi chiave che si erano trasferiti nell'Ovest e tutti hanno iniziato a lavorare a Buck New York e credo che all'epoca fossero circa 8 o 10 e quindi... ci saremmo ridotti a 20 o 25 persone.

Joey Korenman: Si è trattato di una decisione basata solo sullo stile di vita, come quella di Orion e di alcuni trapiantati della East Coast che volevano tornare lì, oppure c'è stata anche una ragione commerciale, come il fatto che forse c'è un tipo diverso di clienti là fuori?

Ryan Honey: Orion è stato l'istigatore, perché voleva tornare a vivere con noi e avevamo un rapporto di fiducia implicita con lui, che è il mio partner creativo, ed era logico che potessimo espanderci e io non volevo perdere il mio rapporto con lui, quindi mi è sembrata una decisione intelligente.Costa.

Joey Korenman: Ho appena controllato perché non ero sicuro, ma Dropbox è stata fondata solo nel 2007 e quindi avete un ufficio nella West Coast e uno nella East Coast nel 2006. Quanto è stato difficile gestirlo all'epoca?

Ryan Honey: Sì, è stato piuttosto difficile. Di sicuro è stato difficile all'inizio. Avevamo delle persone che avevamo assunto per aiutarci a gestire il progetto, ma non hanno funzionato e... credo che il nostro primo ufficio fosse in un appartamento che abbiamo ripulito e in cui abbiamo messo delle scrivanie, ma a quel punto abbiamo lavorato in modo indipendente. Non c'è stata molta impollinazione incrociata proprio per la mancanza di strumenti, credo.

Joey Korenman: Sì, ha senso e voglio chiederle come va adesso tra un minuto, ma voglio parlare dell'ufficio che avete aggiunto di recente, che è a Sydney, in Australia, che è circa il più lontano che possiate aprire un ufficio. Cosa ha guidato la decisione di aprirlo?

Ryan Honey: Gareth O'Brien, che è stato direttore creativo con noi per circa otto anni, è neozelandese. Voleva tornare in Nuova Zelanda o in Australia per stare più vicino alla sua famiglia e noi, ancora una volta, volevamo mantenere i legami con Gareth. È un grande creativo e un grande uomo, ma ha anche visto l'opportunità di fare alcune cose.Una cosa che vediamo spesso è che molte persone che provengono da quell'area e che sono molto talentuose tendono a tornare indietro. Quindi questo è stato un vantaggio per noi e poi il mercato australiano, loro hanno... penso che prendano più rischi dal punto di vista creativo, quindi c'è stato accesso a quel lavoro e infine, è nello stesso fuso orario del mercato asiatico e avevamo sentito che stavano facendo un'operazione di marketing.molto lavoro fuori dall'Australia e l'abbiamo visto come un'opportunità, visto che il mercato si è aperto.

Joey Korenman: È davvero interessante ascoltare il modo in cui ha descritto la decisione di aprire l'ufficio di New York rispetto a quello di Sydney. Sembra che negli anni trascorsi tra i due eventi lei sia maturato molto, immagino, come imprenditore e abbia riconosciuto l'opportunità di fare affari, ma è davvero bello sentire che dietro a entrambe le decisioni c'erano le persone e che lei ha deciso di fare affari con loro.Hai fatto di tutto per accogliere le persone con cui ti piace lavorare e che hai riconosciuto come talentuose. Questo è un tema che ho continuato a leggere nelle tue interviste, Ryan, è che parli sempre delle persone e del talento. Credo che a un certo punto tu abbia persino detto che Buck è nel business del talento, che mi è sembrata una cosa interessante da dire. Forse potresti approfondire un po' questo concetto.

Ryan Honey: Sì, quindi voglio dire che il nostro valore è pari a quello delle persone che lavorano qui e, semplicemente, per fare il lavoro migliore è necessario avere i migliori talenti e quindi la nostra attività consiste nel trovare e trattenere i migliori talenti possibili.

Joey Korenman: Certo, e sono sicuro che si tratta di una sfida enorme, che probabilmente è diventata più difficile negli ultimi anni. Quindi ci arriverò tra un minuto. Parliamo un po' delle dimensioni di Buck in questo momento. Quanti dipendenti ha attualmente Buck?

Ryan Honey: Non sono del tutto sicuro, ma credo che siamo intorno a ...

Joey Korenman: Questo la dice lunga.

Ryan Honey: Penso che siamo intorno ai 250.

Joey Korenman: Quando dici questo numero, come ti senti? Ti è sembrato che sia successo naturalmente o ti sembra incredibile che sia così grande?

Ryan Honey: È sicuramente sorprendente.

Joey Korenman: È incredibile, e ha idea di quanti di questi 250 siano gli artisti che lavorano rispetto all'amministrazione, ai produttori, alla finanza e a tutto ciò che comporta un'azienda di quelle dimensioni?

Ryan Honey: Sì, non lo so, ma direi che probabilmente, se dovessi tirare a indovinare, i produttori e l'amministrazione e tutto il resto coprono circa 40, 40, 50, non lo so.

Joey Korenman: Wow, è incredibile. Non avevo idea che Buck fosse così grande. Puoi parlarci di... Per contestualizzare, School of Motion ha appena assunto il decimo dipendente, quindi siamo sulla strada per arrivare a 250. Abbiamo una strada da percorrere e anche solo per arrivare a 10, ci sono state tutte queste sfide che come persona che viene da un background creativo, non avevo idea di come affrontare e non posso nemmeno immaginare le sfide di crescere fino a 250e di avere livelli e livelli di gestione e uffici multipli. Quindi, può parlare di come è stata questa sfida per voi e di quali sono state le sfide più importanti?

Ryan Honey: Cercare di rimanere fedeli a ciò che siamo e a ciò che vogliamo realizzare e dare agli artisti e a tutto il personale l'attenzione che meritano e che desiderano, aiutando a soddisfare le opportunità creative... O a non soddisfarle, aiutando a dare alle persone sufficienti opportunità creative, almeno agli artisti... In realtà, gli artisti e le persone che si occupano di cultura creativa hanno bisogno di un'attenzione particolare.produttori di opportunità creative sufficienti a mantenerli soddisfatti dal punto di vista creativo e poi anche a dare alle persone una tabella di marcia per la loro carriera, e questo parla un po' dell'attenzione, ma ha...

Ryan Honey: Quando eravamo piccoli, anche con 40 persone in ogni ufficio, ero in grado di conversare e di essere presente con una porta aperta per chiunque avesse una domanda o volesse parlare di come stava andando la sua carriera o di quali opportunità stava ricevendo; man mano che si cresce, si deve delegare tutto questo e c'è un momento in cui non si è ancora delegato, ma si sta solo identificando il problema.e all'improvviso ti accorgi che le cose non funzionano come dovrebbero e allora devi cambiare e fare dei cambiamenti. Penso che siamo riusciti a farlo nell'ufficio di Los Angeles, che è più grande, e penso che gli altri uffici siano un po' più piccoli, quindi non è così prevalente lì, ma stiamo tipo... Dato che è successo qui per primo, stiamo iniziando a lanciare il nostro tipo diil modo in cui facciamo le cose in tutti i settori.

Joey Korenman: Giusto e per me questa è la cosa che immaginavo fosse super impegnativa. Ad esempio, a un certo punto, si arriva a una dimensione in cui ci sono... sono sicuro che ci sono persone assunte da Buck con cui non si ha mai contatto, certamente freelance ma anche personale a tempo pieno, che arrivano e per sei mesi non ti contattano mai o magari ti salutano una volta e quello è il tuo unico contatto e quindi come si fa, comeil fondatore, assicurarsi che i vostri standard, gli elevati standard che avete stabilito all'inizio, non inizino a perdere un po' di quota durante la scalata?

Ryan Honey: Beh, la cosa principale è mettere a capo delle assunzioni persone che condividono la mia visione del lavoro e di cui mi fido implicitamente e all'inizio, quello che abbiamo fatto qui è stato mettere le persone a capo delle divisioni e quindi abbiamo un capo del 2D, un capo della CG, un capo della tecnologia creativa, un capo del design. Possono avere altri ruoli che sono anche loroAll'inizio, quando assumono la prima posizione, controlliamo tutti insieme, ma alla fine... lascio che siano loro a decidere. Abbiamo un po' di comitato a seconda della posizione, per esempio se si tratta di un designer o di un art director o anche di un ACD/CD.Abbiamo tutti i CD che danno il loro contributo e ci riuniamo settimanalmente per esaminare i portafogli e altro. Ha funzionato abbastanza bene.

Joey Korenman: Avete trovato difficoltà a scalare le operazioni? È una delle sfide che ogni azienda deve affrontare e noi stiamo imparando a farlo ora. L'idea di avere... di delegare certe responsabilità e di fare riunioni settimanali e di dare una struttura alle cose, vi è venuta naturale o è stata dolorosa all'inizio?

Ryan Honey: Ho un grande supporto in quell'area, produttori molto intelligenti e talentuosi, produttori esecutivi che mi hanno aiutato a capire tutte queste cose e anche il mio partner, Jeff e Orion. Voglio dire che abbiamo tutti... Quando identifichiamo i problemi, ci sediamo e li analizziamo per capire qual è l'approccio migliore. In realtà, abbiamo appena assunto un COO che sta per arrivare e non possoNon posso parlare di chi sia al momento, ma comincerà a giugno e quindi... Scalare tutti i nostri processi, gestire le risorse e favorire la comunicazione tra gli uffici, finora lo abbiamo fatto un po' a tentoni e ora porteremo con noi una persona che ha gestito nove uffici e un'operazione molto più grande, un'operazione globale nel mondo delle agenzie.

Joey Korenman: Mi stupisce che non abbiate un direttore generale e che abbiate 250 dipendenti: è incredibile. Quanto... Ora che siete 250, ma la tecnologia è migliorata, abbiamo Dropbox, Frame.io, molti strumenti, è più facile lavorare tra gli uffici? Ad esempio, quanto si incrociano i progetti?

Ryan Honey: Sì, in genere il crossover avviene in luoghi specifici, e non sempre. Ha i suoi problemi. Penso che se c'è... Noi lo chiamiamo il Buck massiccio. Quindi, se abbiamo una cosa, come un'opportunità creativa o qualcosa che deve accadere molto velocemente, se si tratta di un pitch o anche se dobbiamo presentarci per il nostro cliente in un breve lasso di tempo o se hanno bisogno di un sacco di opzioni, otteniamo globalmentetutti i talenti che si adattano e tutti si uniscono sulle idee e questo accade ... In generale, possiamo spostare le cose e prendere le persone per un paio di giorni qua e là e generare un sacco di idee, che penso sia uno dei nostri maggiori punti di forza per i nostri clienti e di essere agili e anche in grado di mettere fuori un sacco di qualità creativa in un breve lasso di tempo per quanto riguarda le idee, e poi cosìQuesto è uno dei modi principali in cui lavoriamo insieme e poi abbiamo una sorta di divisioni specializzate che si svolgono in diversi uffici.

Ryan Honey: Quindi, se si tratta di rigging, per esempio, tutto avviene a Los Angeles, quindi tutti i rigging per tutti i progetti, in Australia o a New York, avvengono qui. Abbiamo un gruppo tecnico un po' più creativo qui e anche... E il gruppo esperienziale o spaziale ora è a New York, quindi se i progetti avvengono da questa parte della costa, lavoreranno da New York o potrebbero lavorare con il nostro team di CT qui. E poici sono anche progetti più grandi, ad esempio progetti con numerosi spot o numerose consegne, e ne abbiamo avuti... Voglio dire, ne abbiamo avuti alcuni che sono assolutamente osceni, ad esempio 250 consegne in un breve lasso di tempo, cose del genere. Forse tutta la progettazione avverrà in un unico ufficio, oppure divideremo la progettazione e poi la produzione.

Ryan Honey: Non facciamo cose del tipo: "Abbiamo uno spot di 30 secondi, voi dovete fare questi cinque secondi o altro". Per lo più cerchiamo di mantenerlo autonomo per la produzione, ma dividiamo i progetti, soprattutto se non ci sono abbastanza persone in ufficio per realizzarli.

Joey Korenman: Sì, ha senso, e dev'essere una bella cosa avere un gruppo di lavoro così profondo ed essere in grado di coinvolgere letteralmente più di 100 persone, se necessario. Quindi, gestire un'azienda che è cresciuta così tanto, e tu sei un fondatore, e sei molto coinvolto nella creatività. Che cosa ha comportato per il tuo equilibrio tra lavoro e vita privata? Questa è un'altra cosa che viene fuori ogni volta in questo podcast. Sono solo curioso di sapere che cosa è successo.per sapere che effetto ha avuto su di voi.

Ryan Honey: Sì, vorrei dire che sono ancora coinvolta nella creatività, ma in realtà non è più così. A volte sono coinvolta all'inizio dei progetti, aiutando a ideare e, naturalmente, a scegliere il lavoro che intraprendiamo. Sono qui come cassa di risonanza per le persone e a volte agisco in questa funzione, ma è arrivato il momento in cui non posso essere coinvolta nella quotidianità eAnche se mi manca, l'azienda ne ha beneficiato parecchio, perché i direttori creativi hanno più autonomia e possono affrontare i progetti senza doversi preoccupare di coinvolgermi e credo che la maggior parte di loro... Beh, quasi tutti, tranne forse un paio, lavorano con me da 8-15, 17 anni e mi fido ciecamente di loro. Questo ci ha permesso di scalare e ha creato un'atmosfera di fiducia.Mi manca e cerco di trovare altre strade per la creatività e possiamo parlarne più avanti, ma sì, il lavoro con i clienti è davvero separato da me a questo punto.

Joey Korenman: Hai scoperto che stavi diventando un collo di bottiglia, è allora che hai capito che dovevi uscire dal ruolo creativo quotidiano?

Ryan Honey: Sì, insomma, era quello, un collo di bottiglia e poi stava diventando... L'equilibrio tra lavoro e vita privata non funzionava. Ero sempre al telefono, in vacanza, volavo dappertutto, ero in ufficio. Fino al 2012, forse, era come se una settimana di sette giorni non fosse... Era abbastanza normale. Era la norma, non l'eccezione.

Joey Korenman: Certo, e questo è un aspetto che riguarda ogni imprenditore, ma soprattutto i titolari di studio... Credo che sia particolarmente difficile per i titolari di studio, perché di solito si proviene da un background creativo e questa è la cosa che si è meno disposti a lasciare andare, rinunciando al controllo creativo per poter essere il capitano della nave. Quindi, da quando l'ha fatto, l'equilibrio tra lavoro e vita privata è migliorato per lei?Lei? Lavora in orari normali ora?

Ryan Honey: Sì, è vero. È vero. Probabilmente... ho molta libertà di stabilire i miei orari e di prendermi le ferie e questo genere di cose, il che è fantastico, ma è sempre la mia azienda, quindi non puoi mai spegnere il cervello e hai molti modi per comunicare con le persone, quindi non... non mi stacco mai. È un po' come un figlio, in un certo senso.

Joey Korenman: Assolutamente sì. Ora che so quanto è grande Buck, voglio farti la prossima domanda: ok, mettiamola così, sono nel settore dal 2003, e ho visto molti grandi studi, alcuni dei quali hai citato prima, diventare piuttosto grandi e poi qualcosa cambia, e alcuni creativi chiave se ne vanno, o decidono di diventare un'agenzia e di tagliare la parte centrale del lavoro.Qualcosa cambia, il lavoro inizia a diventare stantio e poi si esaurisce e muore, mentre Buck ha fatto l'esatto contrario e quindi sono curioso di sapere cosa avete fatto di diverso, o se potete dirlo a parole, come mai Buck ha continuato non solo a sopravvivere, ma a prosperare e crescere?

Ryan Honey: Sì, credo che si riferisca alla nostra missione come azienda, che non è necessariamente quella di fare soldi. Non è che dobbiamo fare tonnellate di soldi e questa è la cosa più importante, ma abbiamo una missione, che è quella di essere i partner più straordinari e di creare il lavoro migliore con le persone più talentuose e questa missione, in fondo, è... Senza le persone di talento, non si possono fare le altre cose,Cerchiamo di concentrarci sulle persone e di creare una cultura creativa in cui le persone siano entusiaste di venire al lavoro e di fare ciò che fanno.

Ryan Honey: Ci saranno sicuramente dei momenti difficili, ci saranno progetti che saranno una rottura, ci saranno progetti che non saranno così sexy, ma si tratta di dimostrare alle persone che le si apprezza e di cercare di comunicare al meglio con loro su ciò che desiderano, e alcune persone non fanno proprio al caso loro.voglio andare avanti e fare un cortometraggio, un cortometraggio o qualsiasi altra cosa, o voglio trasferirmi a casa, o voglio fare il freelance, eccetera, ma la maggior parte di noi è qui da molto tempo, ed è diventato... è una specie di famiglia e se non perdiamo di vista questo, penso che almeno non perdiamo di vista qual è la parte importante di noi, allora possiamo continuare a prosperare e anchecrescere.

Ryan Honey: Penso che le persone... Quello che ho visto in altre aziende come la nostra è che i fondatori si sono ritirati, o che i loro obiettivi sono solo quelli di costruire e vendere, o che ci sono conflitti, e fortunatamente noi non abbiamo conflitti. Siamo tutti molto allineati su quello che vogliamo realizzare, e non siamo interessati a... Davvero, è diventato qualcosa in cui siamo più interessati ad aiutare le persone cheche ci hanno aiutato a costruirlo e che continuano ad aiutarci a costruirlo, aiutandoli a prosperare oltre che a fare soldi e quindi questo è un altro aspetto su cui ci concentriamo: come mantenerlo interessante, come mantenerlo creativo e questo è un po' quello in cui ci stiamo impegnando ora e uno dei miei obiettivi è trovare altre opportunità creative e se si tratta di IP o di contenuti o di giochi o di applicazioni, stiamo valutando tutte le opportunità che ci vengono offerte.diverse aree e valutare in che modo possiamo inserirci e come questo possa funzionare con la nostra attività basata sui servizi.

Joey Korenman: Sì, voglio approfondire questo aspetto tra poco, perché stavo parlando con un altro ospite del podcast, Joel Pilger, che è una sorta di consulente per i proprietari di studios e li aiuta a scalare, e ha usato Buck come esempio di un'azienda che sta davvero dando l'esempio di come continuare a evolversi e usare le competenze che si sono costruite, ma cercando nuove opportunità per applicarle.e ho visto Buck iniziare a farlo, ed è davvero, davvero bello, quindi ne parleremo, ma voglio parlare di qualcosa che hai appena menzionato, ovvero che a volte le persone arrivano a Buck e a questo punto, sono sicuro che non ti sorprende che Buck sia un enorme trampolino di lancio nella carriera dei motion designer, tutti ne sono consapevoli e quindi a volte sono sicuro che questo sia l'obiettivo.Vado a Buck per due anni e poi mi metto a fare il freelance perché voglio avere quel tipo di stile di vita, e sono solo curioso di sapere se questo ti dà fastidio o se fa parte del gioco in cui ci troviamo?

Ryan Honey: Sì, fa parte del gioco. Penso che, ad essere onesti, se l'obiettivo di qualcuno è andare a lavorare come freelance, non lo voglio comunque qui, perché quando si va a lavorare come freelance, si rinuncia a un sacco di input creativi, e le persone che voglio che facciano parte della famiglia Buck sono quelle che preferiscono essere soddisfatte creativamente piuttosto che fare quel qualcosa in più come freelance. E naturalmente, noiA volte utilizziamo dei freelance e cerchiamo di assumere chiunque sia bravo, ma le cose stanno così. Ho avuto persone di ogni tipo che sono andate e venute per vari motivi, e non mi sono mai arrabbiato. È una loro prerogativa.

Joey Korenman: Sì, credo che il modo in cui ho formulato la domanda sia che Buck è l'Harvard delle aziende di motion design. Intendo dire che tutti fanno domanda e molti... Non molti entrano, quindi sono curioso di sapere, visto che sembra che cerchiate una cosa molto specifica in un dipendente a tempo pieno e sono sicuro che sia diverso quando assumete un freelance, ma cosa cercate in un dipendente a tempo pieno?

Ryan Honey: Oltre al talento, è importante il desiderio di creare un lavoro eccezionale e, nella maggior parte dei casi, è anche importante che le persone abbiano un set di competenze variegato, perché svolgiamo molti lavori diversi e abbiamo bisogno di persone che possiamo far rimbalzare e che si sentano a proprio agio. Oggi stai lavorando su questo, domani farai questo e alcune persone lo adorano, mentre altre non si adattano al loro modo di lavorare.Quindi, persone che amano una varietà di lavori e infine, non lavoriamo bene con persone con ego e direi fortunatamente, in questo settore, il tipo di persone che vediamo generalmente non lo fanno e sono aperte ai pensieri degli altri e giocano bene con gli altri, ma succede e quindi siamo molto consapevoli di questo e vogliamo assicurarci che tutti sappiano che non importa il talentoSe non sono disposti a giocare pulito, sono fuori.

Joey Korenman: Giusto e il talento nel motion design, almeno in superficie, è piuttosto facile da individuare se si ha occhio. Si può guardare il portfolio di qualcuno e vedere di cosa è capace, ma come si fa a testare queste altre cose prima di assumere qualcuno?

Ryan Honey: In questi giorni, perlopiù, assumiamo stagisti e diamo loro un tempo determinato prima di decidere se assumerli o meno e, se non è il caso, assumiamo un freelance e lo facciamo lavorare su un lavoro e, se ci piace e se rimane qui per un mese, funziona, allora viene assunto. Quindi, c'è uno scenario di prova prima dell'acquisto.L'unico caso in cui non funziona, in cui bisogna rischiare, è quello di una persona proveniente da un altro Paese che ha bisogno di un visto e il cui lavoro è davvero buono; si parla con loro online, si fa una videoconferenza magari una o due volte, ci si fa un'idea e poi la si porta qui. Direi... No, abbiamo molte persone provenienti da altri Paesi, quindi lo facciamo spesso ed è più rischioso e quindi ci sono più voltedell'altro, ci sono persone che non funzionano, ma direi anche che il 90% delle volte è fantastico.

Joey Korenman: Penso anche che sia utile avere una visione aziendale molto chiara ed esprimerla a tutti coloro che sono sotto di te, in modo che anche loro sappiano cosa cercare. Trovo che il trucco per le assunzioni in generale sia assicurarsi che la persona che assume sappia effettivamente qual è la missione, ed è davvero interessante perché penso che tu abbia ragione, che le aziende che ho visto si siano davvero schiantateSembra, dall'esterno, che le decisioni che prendono siano guidate forse dal denaro. Vedono un'opportunità finanziaria tagliando fuori il loro cliente e andando dal cliente del loro cliente, e sembra che questo non sia importante per te. Ciò che è importante è la qualità del lavoro, ti sembra giusto?

Ryan Honey: Sì, noi... In questo particolare esempio, succede, ma succede in modo naturale. Penso che sia un cambiamento del settore in generale. Il passaggio al lavoro diretto con il cliente, in un certo senso guidato dalla Silicon Valley, è avvenuto in modo naturale e non è stata una decisione consapevole di tagliare fuori qualcuno, ma quando le persone iniziano a chiamarci direttamente, ovviamente rispondiamo al telefono. Quindi, sì, nel nostro caso, l'abbiamo fatto, ma non è stato così.non è stata una decisione consapevole.

Joey Korenman: Giusto, credo che mi riferissi più a uno studio di motion design che all'improvviso assume uno stratega del marchio e inizia a cercare di essere come un'agenzia pubblicitaria, questo tipo di cose che ho visto andare a rotoli. Quindi, visto che siamo in tema di assunzioni, qual è l'abilità più difficile da trovare per voi ragazzi, perché immagino che dobbiate avere una pila infinita di curriculum, bobine e portfolio da esaminare,Ci sono cose davvero difficili da trovare anche quando tutti vogliono lavorare per voi?

Ryan Honey: Credo che gli unicorni siano... Beh, qui ci sono tanti tipi di posizioni diverse e tanti lavori diversi da occupare, ma gli unicorni più difficili da trovare sono le persone che hanno grandi idee e possono creare qualsiasi cosa, e questo è... Quando trovi queste persone le tieni per te.

Joey Korenman: Giusto.

Ryan Honey: Detto questo, quando siamo a un certo livello e cerchiamo persone straordinarie per ogni posizione o che abbiano almeno il potenziale per arrivarci, è difficile trovare tutti, da un produttore a un coordinatore, fino a un direttore d'ufficio. Quindi ogni posizione è difficile da coprire.

Joey Korenman: Giusto, sì, si arriva alle leghe maggiori e ci sono meno persone a quel livello. Quindi, hai parlato di quanto sia importante tenere... Come quando trovi un giocatore di serie A, lo tieni stretto per la vita e ci sono un sacco di opportunità là fuori in questo momento per i creativi di serie A, e possono andare a fare un sacco di soldi, se vogliono. Quindi, come si fa a tenerli stretti perché ho incontratoalcuni dei vostri collaboratori, e sono così dediti a Buck, ed è piuttosto sorprendente da vedere, perché ho visto che in altri studi non è sempre così. Quindi, sono curioso di sapere come avete sviluppato questo rapporto con loro.

Ryan Honey: Penso che sia la cultura e l'approccio come una famiglia e, come ho detto prima, la comunicazione, ma anche il fatto che vogliamo che le persone siano felici, genuinamente, quindi se questo significa essere soddisfatti dal punto di vista creativo e finanziario, al punto che controlliamo sempre tutti e ci assicuriamo che queste cose stiano accadendo. Le opportunità che esistono in altri posti sono principalmenteper le grandi aziende che non si concentrano sulla cultura creativa. Quindi, stiamo cercando di creare una casa per queste persone di talento che vogliono sentirsi apprezzate e vogliono un posto che si concentri su di loro e su ciò che vogliono realizzare. Quindi, si può guadagnare di più altrove e se questo è il vostro obiettivo, allora più potere a voi, ma se si vuole essere soddisfatti creativamente e far parte di un gruppo di persone che hanno bisogno di un'esperienza di lavoro, allora è meglio che vi occupiate della cultura creativa.di una famiglia che si concentra su una missione che riguarda la creatività, allora questo è il posto giusto per voi.

Joey Korenman: Quando un'azienda diventa più grande, come fondatore, il tuo lavoro ovviamente cambia man mano che l'azienda cresce e quando arrivi alle dimensioni che hai raggiunto, penso che una parte importante del tuo lavoro sia garantire che la cultura aziendale rimanga sana e si concentri sulla visione che tu e i tuoi co-fondatori avete per l'azienda.Come si fa a inculcare questo concetto?

Ryan Honey: Penso che sia solo un pezzo per volta. Voglio dire, certamente non diciamo le cose esplicitamente...

Joey Korenman: Non c'è nessuna canzone? Nessuna canzone di Buck o altro?

Ryan Honey: No, non c'è una canzone di Buck. Le persone che abbiamo messo in campo e che sono responsabili della cultura sono con noi da così tanto tempo che la capiscono implicitamente ed è una specie di elemento in tutto ciò che fanno. Di sicuro facciamo molte riunioni e discutiamo del personale e parliamo delle persone che stanno facendo un ottimo lavoro e ci assicuriamo che si sentano ricompensate e che abbiano altre opportunità creative".Per quanto riguarda i compensi, direi che ci assicuriamo di pagare lo stesso o, nella maggior parte dei casi, più di altri studi della nostra natura, ma non possiamo certo eguagliare i dollari della Silicon Valley con stock option, ecc.

Joey Korenman: Giusto, certo, sì, e questo è un aspetto che voglio approfondire un po', perché ho sentito dire da molti proprietari di studios che è una sfida al giorno d'oggi. Quindi, voglio parlare di alcuni dei lavori che Buck fa e Buck era sul mio radar, credo, fin dall'inizio, ma credo che quando sono diventato una specie di fanboy sia stato il pezzo Good Books, e sono sicuro che questo è il caso per unE vi ho sentito dire nelle interviste che quell'opera è stata molto importante per voi. Ora, guardando una cosa del genere, la quantità di animazione e il modo in cui è stata realizzata richiedono un'intensità di lavoro pazzesca. Non riesco nemmeno a immaginare quante ore di animazione siano state necessarie per realizzarla.L'animazione tradizionale in cellula o la stop motion o qualche folle mix di computer grafica e stop motion o azione dal vivo, sono cose che richiedono molta manodopera e sono curioso di sapere se alcune di queste non sono redditizie, ma è possibile essere redditizi con cose su larga scala che richiedono molta manodopera come queste?

Ryan Honey: Questi lavori... capitano, ma sono molto rari. I lavori che hai citato, in particolare Good Books, Good Books, ci hanno letteralmente pagato zero dollari per farlo, quindi è stato... Ci è piaciuta la causa. Ci hanno dato la totale libertà creativa di fare quello che volevamo, e la sceneggiatura che avevano era fantastica. Quindi, quando c'è un'opportunità creativa come quella, lo facciamo non solo per avere un pezzo per il nostro reel che siaper ottenere più lavoro, ma lo usiamo anche per ispirare la cultura creativa e per attrarre talenti.

Joey Korenman: È davvero bello, quindi quando questo progetto o progetti simili vengono realizzati, ci sono conversazioni interne del tipo: "Perderemo sicuramente dei soldi con questo, ma so che questo artista qui muore dalla voglia di fare qualcosa del genere e sarà entusiasta"?

Ryan Honey: Sì, questo fa parte del discorso: vediamo i soldi che spendiamo per i progetti come dollari di marketing per noi, per i nostri clienti, ma anche, come ho detto, per attrarre talenti e per poter diffondere le opportunità creative, come hai detto tu.

Joey Korenman: Sì, è davvero interessante pensare al budget per il marketing come a una fonte di fondi per realizzare cose belle, perché credo che a volte ci sia una disconnessione nella mente di un imprenditore che pensa che il prodotto che realizzo debba essere diverso dal marketing, mentre in realtà, nel caso di uno studio di motion design, è l'opposto: il tuo prodotto è il tuo marketing.

Ryan Honey: Sì.

Joey Korenman: Sì. Quindi come fate voi, come azienda, a decidere su quali progetti è giusto spendere le risorse, il tempo e francamente il denaro?

Ryan Honey: Una volta guardavamo le cose attraverso la lente del bisogno di avere due di questi tre elementi: occhi, soldi o creatività; credo che questo sia cambiato nel corso degli anni e in realtà la creatività è il numero uno se vogliamo spendere soldi per qualcosa, l'opportunità è il secondo, il che significa che porterà a qualcosa di interessante per noi. Per esempio, abbiamo lavorato a spettacoli televisivi e fatto una sorta didi design in quell'area in perdita per creare relazioni che portino ad altre opportunità creative e la terza, credo, riguarda anche le relazioni con i clienti. Quindi, potremmo avere un cliente con cui lavoriamo molto, che è fantastico e con cui abbiamo un rapporto fantastico e che ha bisogno di un favore e siamo più che disposti a perdere soldi su dei lavori se questo significa mantenere quella relazione.relazione.

Joey Korenman: Sì, voglio dire che questo è il modo ideale di gestire uno studio al giorno d'oggi, ed è ovviamente più facile farlo quando si è in giro da un po', e si hanno un po' di soldi in banca, e non si vive mese per mese e fondamentalmente non si dorme mai. Quindi, era... Per uno studio che è giovane e non è ancora in quella posizione, è ancora qualcosa che dovrebbe fare se vuole crescere o èè una cosa che si aspetta fino a quando non si è fatto abbastanza lavori non belli, ma ora che si hanno un po' di soldi in banca, si può iniziare a fare questi progetti speculativi?

Ryan Honey: Penso che l'industria sia cambiata notevolmente negli ultimi 10 anni e non è più facile come una volta creare lavori interessanti e attirare lavoro retribuito, ma detto questo, finché si pagano le bollette, si dovrebbe spingere il più possibile a creare lavori interessanti per tutte le ragioni che ho menzionato prima, e non è solo per attirare i clienti, ma anche per attrarre eanche di trattenere i talenti.

Joey Korenman: Perché pensi che oggi sia più difficile fare lavori interessanti e attirare lavoro remunerativo?

Ryan Honey: Il panorama è cambiato: prima c'erano le agenzie che avevano i clienti, e noi avevamo i rappresentanti che seguivano le persone da un'agenzia all'altra e avevano quei rapporti e andavano a fare gli screening e... E poi li convincevano a rischiare su nuove persone o su questo regista, che sarebbe ottimo per il vostro reel, mentre ora, dato che il rapporto agenzia/cliente è teso, le persone sono meno disposte a rischiare.Rischi, quindi l'idea di provare questo negozio di cinque persone e sperare che facciano risultati non è più facile come una volta e poi l'altro lato della medaglia è che un'enorme quantità di lavoro è diretta al cliente al giorno d'oggi, dato che le aziende prendono molto del marketing in casa e poi... Quello che faranno è avere fornitori approvati.

Ryan Honey: Quindi, se siete nella lista dei fornitori approvati, allora vi daranno lavoro e questo richiede tempo, ma anche studi di una certa dimensione per poter entrare in quella lista e quindi, iniziando con cinque persone, è meno probabile che accada per voi e poi ci sono un sacco di lavori piccoli che girano intorno... Per le startup o chiunque altro che i giovani studi possono prendere per costruire un portafoglio, maCome ho detto, credo che a questo punto sia più difficile entrare nel gruppo più affermato.

Joey Korenman: Sì, sono d'accordo. Voglio dire, ho un amico che gestisce uno studio a Boston e recentemente è stato approvato come fornitore di Google ed è stata una cosa che gli ha cambiato la vita, ma hanno dovuto fare milioni di salti mortali per farlo e hanno una dimensione tale da poterli fare, ma hai ragione, uno studio di cinque persone avrà difficoltà a farlo. Quindi, hai parlato un po' diUna delle mie espressioni preferite, che ho imparato da uno dei miei vecchi soci d'affari, è "uno per il pasto, uno per la bobina". Ricordo che quando ti ho incontrato brevemente alla prima conferenza Blend, eravamo sul palco e tu mi hai dato una statistica che non ricordo con esattezza, ma in sostanza mi hai detto che la quantità di lavoro che Buck fa è pari a quella del suo lavoro.Quanto del lavoro che Buck sta facendo come azienda finisce per essere qualcosa di cui si pensa: "Dovremmo metterlo in mostra sul sito web"?

Ryan Honey: Sì, non lo so con esattezza, ma direi che si aggira intorno al 10%, e una parte di questa percentuale non è dovuta alla nostra scelta... Pensiamo che non sia degna di nota, ma è più che altro perché non ci è permesso di mostrarla. Quindi questo fa parte del problema, e poi molti dei lavori che facciamo in questi giorni non abbiamo ancora capito quale sia il forum giusto per mostrarli.la nostra presenza sul web per rispecchiare maggiormente le attività che svolgiamo in questi giorni e quindi saremo in grado di mettere in rete più cose che stiamo facendo, ma credo che gran parte di questo sia dovuto alla riservatezza.

Joey Korenman: Quindi, voglio entrare nel merito di ciò che stiamo discutendo, del cambiamento del panorama e di tutto il resto, ma avevo un'altra domanda da farle sul lavoro effettivo che Buck svolge. Uno dei modi più comuni in cui ho visto gli studi di animazione e francamente anche le grandi case di post-produzione espandersi è quello di entrare nella produzione e aggiungere una grande componente live action e Buck hadi tanto in tanto, ma non è una caratteristica di Buck e sono curioso di sapere se avete mai pensato di espandere la vostra attività e perché non l'avete fatto.

Ryan Honey: Sì, sicuramente ci abbiamo pensato. All'inizio abbiamo avuto alcune opportunità di dirigere un live action, alcune le abbiamo colte e altre no. Credo che abbiamo scoperto che le opportunità di live action in genere non sono grandi dal punto di vista creativo per uno come noi e quando qualcuno ci chiede di farlo, in genere è perché vuole sfruttare al massimo il suo budget.

Joey Korenman: Giusto, giusto.

Ryan Honey: Hanno una componente di animazione e una componente di live action e non possono permettersi di avere un regista di live action e di fare una buona animazione, quindi ci chiedono di fare entrambe le cose. E noi facciamo ancora alcune di queste cose, come hai detto tu, ma non abbiamo un modello di regia e l'altra parte di questo è che non siamo affatto un modello di regia e crediamo che il modello dello studio sia molto piùefficace per i nostri clienti e con la regia dei live action, quando si ha una rosa di registi, è un tipo di business molto diverso e la gente non capisce bene chi lo dirigerà, chi lo dirigerà Buck. Beh, chi è Buck? Beh, no, solo Buck, ed è difficile da digerire per la gente.

Ryan Honey: Quindi, credo che sia una combinazione di cose: le opportunità creative non sono grandi, c'è molta concorrenza per quel lavoro, soprattutto per il lavoro buono. È anche un'attività che richiede molto tempo quando si va a fare un servizio, dalla concezione alla pre-produzione fino alle riprese, tutti devono essere sul ponte ed è... non si può fare altro. Quindi, nel modello di studio, i nostri direttori creativipossono gestire due o tre lavori alla volta e partecipare a tutte queste attività, mentre se stanno girando un'azione dal vivo fanno solo quello. Quindi, deve essere qualcosa di avvincente per noi o al servizio di un lavoro per un cliente con cui abbiamo un rapporto o un creativo.

Joey Korenman: Anche questo è interessante, perché in un modello di regista, ho amici che all'inizio della mia carriera erano registi presso l'azienda per cui lavoravo, e la cosa più difficile per loro era essere incasellati e persino... E poi, voglio dire, questo era probabilmente 15 anni fa, ma i clienti che venivano, ad esempio, nello studio di animazione di Freelance [inaudibile 01:16:28], erano abituati al modo di lavorare di un editore.Il negozio avrebbe avuto il nome del negozio, con il nome di Crew Cuts o qualcosa del genere, ma avrebbe lavorato con redattori specifici, ognuno dei quali avrebbe avuto la propria bobina e avrebbe scelto i talenti con cui lavorare, e molti clienti hanno cercato di far sì che ciò accadesse in studio, dicendo: "Mi è piaciuto ciò che ho avuto da te l'ultima volta, voglio di nuovo quello stilista". Succede mai a Buck?o è mai successo in passato che la gente dicesse: "Mi piace quello che hai fatto e voglio assicurarmi che la prossima volta sia altrettanto buono, quindi voglio il nome di quella persona, voglio di nuovo quel direttore creativo"?

Ryan Honey: Sì, in effetti le persone chiedono a volte direttori creativi specifici e se possiamo accontentarli lo facciamo, ma credo che abbiamo anche comunicato ai nostri clienti che siamo un grande bacino di talenti e una delle nostre migliori capacità è quella di essere in grado di assemblare una sorta di team su misura per il vostro progetto in base a ciò di cui avete bisogno. E francamente a volte non sono disponibili e dobbiamo suggerire qualcun altro.È proprio questo il bello del modello e il motivo per cui funziona meglio con il lavoro diretto ai clienti: possono venire da noi e noi, con progetti di qualsiasi dimensione, possiamo mettere insieme un team che si occuperà di quel progetto e non si tratta di una visione unica, ma di lavorare come partner con loro per creare.

Joey Korenman: Bene, allora parliamo del modo in cui è cambiato il settore, che è cambiato molto nell'ultimo decennio, ma mi sembra che negli ultimi, non so, probabilmente tre o quattro anni, ci sia stata una massiccia impennata nella quantità di lavoro da parte delle aziende della Silicon Valley e, oltre a questo, ci sono tutte queste nuove tecnologie che richiedono la progettazione del movimento, e così via,Buck ha rilasciato un'applicazione molto divertente, di cui vi forniremo il link nelle note di questo podcast, chiamata Slapstick, che è un'applicazione per la realtà aumentata e sono stato davvero entusiasta di vederla perché ho visto altri studios iniziare a muoversi in questo mondo di proprietà intellettuale e di costruire prodotti e cose che possono possedere e che possono essere francamente flussi di reddito passivo.la decisione di creare quell'applicazione e di espandere Buck in quel mondo di IP?

Ryan Honey: L'obiettivo non era necessariamente quello di fare soldi, è un'applicazione gratuita, ma di realizzare molte applicazioni AR per i nostri clienti, che si tratti di Instagram o Facebook o... Beh, sono la stessa cosa, ma di Google, eccetera.L'idea che abbiamo avuto è stata quella di dare alle persone un altro sbocco creativo, dando così ai designer e agli animatori la possibilità di creare questi pacchetti di adesivi, di realizzare qualsiasi tema vogliano e di ritagliarsi del tempo per lavorarci sopra, per poi farli integrare dal team di CT; inoltre, è stata un'opportunità per il team di CT di pensare a funzionalità future.

Ryan Honey: Per quanto riguarda l'implementazione di nuove funzionalità nell'app, siamo in grado di muoverci un po' più velocemente rispetto alle grandi aziende e quindi abbiamo iniziato a vedere che i clienti avevano visto questa cosa nella nostra app, questa cosa nella nostra app, questa nuova funzionalità e volevano implementarla nella loro, o volevano trovare un modo per fare qualcosa di simile. Quindi, ha avuto alcune conseguenze indesiderate. Eraè una sorta di parco giochi per noi, ma si è trasformato anche in un ottimo strumento di marketing.

Joey Korenman: Sì, è esattamente quello che stavo per dire. Sembra proprio che il modo in cui Good Books era il marketing per il tuo negozio di narrazione e animazione, Slapstick, in un certo senso, si è trasformato in uno spot per la tua capacità di combinare l'avanguardia della tecnologia con le tue abilità di design e animazione, il che è davvero fantastico. Quindi, è qualcosa che hai intenzione di espandere? Voglio dire, hai parlato prima chesiete davvero entusiasti di usare la vostra creatività per cercare di trovare queste opportunità, per espandersi in queste nuove aree emergenti. Quindi, ci sono altre novità in arrivo?

Ryan Honey: Sì, abbiamo... abbiamo sviluppato un gioco, un gioco per cellulari per il quale stiamo cercando di trovare finanziamenti e, al momento, abbiamo appena assunto un responsabile dello sviluppo e stiamo cercando... valutando e cercando le aree in cui vogliamo investire. Quindi, il nostro modo di vedere è che abbiamo questo incredibile motore creativo per il quale le persone vengono da noi e ci danno lavoro a pagamento, e noi li facciamo pagare per questo ma sonoci offre l'opportunità di creare i nostri contenuti e di guidare noi stessi la creatività, ad esempio nei giochi, nelle applicazioni o persino nella TV e nei film.

Joey Korenman: Ci sono altre aree in cui Buck si è trovata coinvolta, ad esempio, so che l'interfaccia utente e l'interfaccia utente (UI) sono un'area enorme in cui l'animazione sta diventando quasi scontata. Quindi, ci sono persone in Buck che lavorano anche su cose del genere e sviluppano prototipi per il modo in cui [inaudibile 01:22:29], cose del genere?

Ryan Honey: Sì.

Joey Korenman: È questo il genere di cose per cui, lavorando a una pubblicità della Nike, si finisce sul sito web di Buck, ed è così che molte persone entrano nel mondo del motion design per lavorare a una pubblicità di scarpe, per qualche motivo. Quindi, c'è qualcosa di questo genere di cose che credo sia meno attraente dal punto di vista creativo, e i tuoi clienti te lo chiedono, per cui è come se fosse tutto a posto, dobbiamo farlo.o anche queste cose sono molto interessanti per te?

Ryan Honey: Sì, penso che sia interessante. È interessante per alcune persone, ed è... Le opportunità che ne sono derivate sono state molto interessanti. Ancora una volta, è come queste relazioni che si formano con i clienti e soprattutto questo mercato diretto al cliente in cui si dice ok, beh, proviamo questo ora, facciamo questo. Oh, abbiamo questa cosa, ma in realtà ciò che riguarda noi è assicurarci di avere persone cheQuindi, quando ci propongono queste opportunità, diciamo: "Ok, non abbiamo nessuno che faccia questo lavoro, ma questa persona potrebbe farlo". Quindi, bene, facciamogli fare un tentativo e poi verifichiamo se sono interessati o se dicono: "Sì, è andata bene, ma non voglio farlo troppo spesso". Quindi, cominceremo a coinvolgere i nostri clienti in un progetto di ricerca e sviluppo.persone che si concentrano maggiormente su questo tipo di lavoro e costruiscono organicamente il team per servire quel cliente.

Joey Korenman: Ora, con l'evoluzione di Buck e la necessità di trovare nuovi talenti e di assumere un responsabile dello sviluppo che si occupi di guidare lo sviluppo del software, cose del genere, è una cosa che ogni studio che raggiunge una certa dimensione deve fare o ci sono molti studi che forse non ne vogliono sapere, vogliono solo attenersi al loro talento principale, che potrebbe essere la trasmissionePensate che questo sia... è qualcosa di più di un semplice interesse per questo e che sembra divertente e che sarà divertente per il nostro team? È anche un bisogno di continuare ad evolversi per sopravvivere e rimanere rilevanti?

Ryan Honey: Sì, non è questo il pensiero. Penso che le persone possano sopravvivere facendo le stesse cose che fanno e facendole bene. Per noi si tratta di opportunità creative. Penso che vogliamo... Parte della cultura creativa consiste nel fare cose nuove e tutte le conversazioni che ho avuto con i miei creativi sono state come se volessi provare qualcosa di nuovo, e io ho detto: "Ok, cosa ti interessa?Ci dicono: "Voglio entrare negli show televisivi o mi piacerebbe lavorare a un gioco" e questo tipo di conversazioni ci spinge a indagare in quell'area e a vedere se siamo in grado di farlo in modo fattibile e, nella maggior parte dei casi, è qualcosa che possiamo fare e quindi lo portiamo avanti. Sì, voglio dire, si tratta di mantenere il tutto interessante per tutti e fare sempre la stessa cosa può diventare un'ossessione.un po' stantio, credo.

Joey Korenman: Bene, ripensando a quando Buck è stato avviato, cioè proprio nel periodo in cui sono entrato anch'io nel settore, non avrei mai immaginato che ci sarebbe stato così tanto lavoro e questo è dovuto alla combinazione di un aumento dei clienti, delle diverse varietà di lavoro, degli smartphone e dei tablet, cioè di tutto ciò che ha uno schermo.e quindi, uno dei più grandi cambiamenti che ho percepito negli ultimi dieci anni, ma in realtà negli ultimi tre o quattro anni, ho notato un enorme cambiamento è stato quello dei giganti tecnologici del settore, come Google, Apple, Amazon e Facebook, che sono entrati in scena e hanno radicalmente alterato il panorama di ciò che significa essere un motion designer e so che Buck ha lavorato con, credo, tutti gli attori di questo settore.Quindi, qual è stato l'impatto sull'attività di Buck e quale pensa sia stato l'impatto sul settore?

Ryan Honey: Sì, per quanto riguarda la nostra attività, sicuramente hanno alimentato gran parte della nostra crescita e questo è stato fantastico per noi, soprattutto nelle aree della tecnologia creativa e quindi questo è stato un grande vantaggio per noi. Per quanto riguarda il settore in generale, hanno guidato la carica nel cambiare il modello di agenzia pubblicitaria. So che anche quando abbiamo fatto il nostro primo lavoro a Google, parlando con un product manager come ilNon c'erano creativi, letteralmente non c'erano creativi da parte loro, per cui si diceva: "Sì, abbiamo questo prodotto, ecco cosa vogliamo ottenere dal punto di vista commerciale, createci qualcosa".

Ryan Honey: Quindi, questo ha costretto studi come noi ad agire in una sorta di modo ibrido e non voglio dire agenzia, perché non è quello che siamo, ma ci ha costretto ad aggiungere alcune di queste capacità e se si tratta di scrittura o in alcuni casi anche di strategia o ... Ma la differenza è che penso che se sei intelligente, si arriva da una prospettiva diversa da quella che hanno in passato perché seicercando di costruire qualcosa di nuovo, quindi non si tratta di dire: "Ok, andiamo a prendere tutte queste persone che lo fanno da 10 anni e il vecchio modello", ma di dire: "Ok, qual è il nocciolo di ciò che stiamo cercando di realizzare e troviamo persone che sono creatori, che fanno quello che facciamo noi e incarichiamoli di farlo e vediamo se riusciamo ad avere successo".

Joey Korenman: È davvero interessante. Quindi, come il fatto che queste gigantesche aziende infinitamente ricche arrivano e ora hanno dipartimenti di marketing e assumono persone di grande talento in quei dipartimenti e quindi ora ti interfacci con loro. È essenzialmente come lavorare con un'agenzia pubblicitaria ora o è ancora in qualche modo diverso perché immagino che il dipartimento di marketing di Facebook siaprobabilmente molte volte più grande di molte agenzie pubblicitarie?

Ryan Honey: Sì, certo. Voglio dire, è diverso nel senso che... lavori direttamente con loro e con il loro team e sei legato al progetto, mentre in passato c'era questo strato intermedio in cui venivano incaricati dal cliente e poi ideavano, proponevano e cercavano di far vendere qualcosa e infine, quando veniva venduto, non c'era più nulla da fare.Ora invece si è più al piano terra, si lavora con loro fin dall'inizio. È un tipo di rapporto diverso che ritengo più proficuo e più simile a una partnership.

Joey Korenman: Sì, e quello che ho visto... Perché la maggior parte delle mie conversazioni quotidiane sono con i nostri studenti, con i dipendenti delle aziende e con i freelance e per loro, e anche per i proprietari degli studi, ma soprattutto per i motion designer solitari che cercano di mettere piede da qualche parte, penso che tutti questi grandi colossi tecnologici raddoppino la quantità di opportunità là fuori e quindi, ai miei occhi, è una retepositivo, ma ho anche sentito dire che ci sono degli aspetti negativi e uno di questi è che, poiché queste aziende non vendono il motion design come loro prodotto, il motion design è... forse fa parte del loro prodotto. C'è un budget diverso in gioco e ciò significa che la quantità di denaro che possono destinare ai talenti può essere significativamente più alta di quella che uno studio può permettersi, e hoHo sentito dire che a volte c'è quasi una guerra di offerte per i talenti, e sono curioso, Buck, penso che sia in una grande posizione di essere uno degli studi per cui ogni artista vuole lavorare, ma hai sperimentato tutto questo, che devi pagare tariffe giornaliere più alte o che le persone chiedono più soldi perché possono andare a Google per sei mesi e fare un mucchio di soldi?

Ryan Honey: Beh, e credo che le persone che sono andate lì e hanno lavorato in quegli ambienti e sono state corteggiate dai soldi, se sono davvero interessate a far progredire la loro carriera e a realizzare lavori interessanti e ad essere un maker, in genere perdono interesse abbastanza rapidamente, e certamente... C'è stata un'enorme migrazione di persone verso la Silicon Valley nel corso degli anni e anche da noi. Molte di loro hannoNon voglio dire che non sia una grande opportunità per alcune persone che amano fare una certa cosa, lo è, ma ci sono molte... Non sono aziende che si concentrano sulla creatività, sono aziende tecnologiche.

Joey Korenman: Certo, c'è un po' di corsa all'oro e lo capisco. Voglio dire che essere un artista, specialmente quando devi bilanciare un lavoro che paghi le bollette con un lavoro che sia creativamente appagante e anche una sorta di marketing per le tue capacità, aiuta se hai un po' di soldi in banca, quindi lo capisco perfettamente, ma hai menzionato uno dei principali aspetti negativi che possono verificarsilavorare con queste aziende è che, soprattutto ho sentito dire che lavorando con Apple, questo è il caso quasi sempre, si lavora su cose che non solo non si potranno mai mostrare, ma di cui non si può nemmeno parlare, giusto? Si firma un contratto che dice che prima ancora di aprire after effects e quindi so che hai lavorato con tutti questi marchi e probabilmente ci sono molte cose che non si possono mostrare.che avete fatto e di cui non potete parlare, è difficile per l'azienda? È difficile per l'artista che lavora a quei lavori?

Ryan Honey: Sì, certo, c'è un po' di questo per l'artista. Penso che come artisti, quando si crea qualcosa, soprattutto se è qualcosa di cui si è molto orgogliosi, si voglia dire a tutti che lo si è fatto e crogiolarsi nella gloria, ma è solo una sorta di realtà. Penso che cerchiamo continuamente di sfidare questi marchi su questo argomento. Non sono... capisco in alcuni casi perché lo facciano.ma credo che probabilmente non sarà sostenibile per loro.

Joey Korenman: Ora, come... Questo mi ricorda che c'è stato un pezzo che è uscito all'inizio di un Apple anche a marzo e appena l'ho visto, ho pensato che fosse stato Buck. Come ora, qualcuno che ha lavorato molto con loro, avete più voce in capitolo? Siete in grado di dire: "Sì, lo faremo, ma vogliamo essere in grado di mostrare questo"? Dovete negoziare con aziende come questa? Andate piano. I cecchini sonoproprio fuori, giusto?

Ryan Honey: Non si può mai... In pratica si tratta sempre di aspettare e vedere.

Joey Korenman: Giusto.

Ryan Honey: Come ho detto, stiamo cercando di incoraggiarli a permettere agli artisti di esporre le loro opere e credo che abbiamo fatto qualche passo avanti, ma c'è una componente commerciale e di pubbliche relazioni da parte loro, che cerca di controllare la narrazione dell'opera, e quindi questo di solito annulla qualsiasi desiderio di avere l'opera in mano.artisti riconosciuti.

Joey Korenman: C'è una domanda pericolosa: c'è un... È interessante perché lei ha detto che era solito includere il numero di occhi che sarebbero stati visti come una delle qualifiche per decidere di fare un lavoro. C'è un premio pagato per avere Buck che fa qualcosa che non può essere mostrato?

Ryan Honey: Non ho intenzione di rispondere a questa domanda.

Joey Korenman: Va bene. Ok, va bene. Sai, ce ne doveva essere una a cui non avresti risposto. Mi piace. Bene, ho solo un altro paio di domande, amico. Devo ringraziarti molto per il tuo tempo. E' stato affascinante. Ora, Buck si è affermato, quindi non sei più la giovane azienda emergente. Sei in una situazione diversa ora e quando hai iniziato, hai dovuto fare una sorta diè stato il modo standard di avere un ufficio, di avere persone fisicamente presenti e di fare tutto questo, ed era solo la realtà della tecnologia di allora e il modo in cui le cose funzionavano, ma ora ci sono un sacco di nuovi "studi" che stanno nascendo e che sono costruiti in modo molto diverso e molti sono solo un team remoto di freelance. A volte non sono nemmeno nello stesso paese ed è davvero questa scalae di ridimensionamento utilizzando il modello dei freelance, forse hanno un produttore, forse no, e sembra che ora ci sia una grande tendenza in questo senso, perché è così economico avviare uno studio e commercializzarlo, e alcuni di loro sembrano avere ottimi risultati.

Joey Korenman: Sono curioso di sapere qual è la sua opinione sul futuro dello studio tradizionale con mattoni e malta, con le sue grandi spese e tutto il resto, e come potrebbe essere influenzato da questi team di artisti a distanza che si fanno chiamare studi?

Ryan Honey: Per me, direi che c'è un vantaggio intrinseco nell'avere le persone a stretto contatto e, come entità creativa che cerca di risolvere costantemente problemi creativi, la vicinanza a tutti e le relazioni che ne derivano credo siano uno dei vantaggi che abbiamo e continueremo ad avere rispetto al passato.qualcuno che ha solo freelance sparsi e questo non riguarda solo il rapporto di lavoro ma anche il tipo di... il legame che le persone creano insieme e la stenografia e non direi che le persone che lavorano a distanza non creeranno mai un buon lavoro, questo non è vero, ma penso solo che per quanto riguarda un modello scalabile che è in grado di muoversi rapidamente e di risolvere problemi complessi rapidamente, che di personaLe squadre saranno più efficaci.

Joey Korenman: Beh, sembra che questo sia davvero in linea con la vostra visione generale e con tutte le cose di cui avete parlato in questa conversazione, cercando di costruire una famiglia e facendo in modo che le persone siano davvero soddisfatte dal punto di vista creativo. Credo che in una delle vostre interviste che ho letto, abbiate detto che cerchiamo di mantenere le persone soddisfatte dal punto di vista creativo in modo che non vadano a cercarlo altrove, il che mi è sembrato molto divertente. Quindi, solo in generale,Qual è la sua opinione sul lavoro a distanza con le persone? Ad esempio, Buck funziona con i freelance a distanza o preferisce ancora che tutti vengano in casa?

Ryan Honey: Sì, capita. Non è una cosa che scegliamo di fare e di solito è molto specifica, per cui si tratta di qualcuno che è un concept artist e fa questo tipo di lavoro, chiamiamolo e facciamoglielo fare per questo progetto. A volte le persone sono molto brave e lo capiscono perfettamente, ma probabilmente il 75% delle volte è difficile. È come se aspettassi che qualcuno si faccia vivoti fanno vedere qualcosa e poi, quando te lo mostrano, non è quello che volevi e allora pensi: "Beh, la giornata è già finita, abbiamo perso tutto questo tempo". Quindi, è più facile essere nella stanza con le persone o almeno nello stesso edificio. Come ho detto, succede ed è successo, ma non è certo una preferenza.

Joey Korenman: Assolutamente. Bene, siamo arrivati all'ultima domanda, Ryan, e questa è quella che immagino molti ascoltatori stessero aspettando, quindi spero che la risposta sia brillante e perspicace, ed è piuttosto semplice. Ne ho già parlato in precedenza, Buck è la Harvard degli studi di motion design. È molto difficile mettere piede nella porta. C'è persino... non so... probabilmente non hai vistoC'è un canale Instagram incredibile che si chiama Mograph Memes e che ha pubblicato un post incredibile su quanto sia difficile trovare lavoro da Buck, ma se qualcuno che sta ascoltando, diciamo che è piuttosto nuovo nel settore e sta cercando di trovare lavoro da Buck, come dovrebbe procedere?

Ryan Honey: Beh, tecnicamente si fa domanda, ma...

Joey Korenman: È tutto, ok, fatto, grazie.

Ryan Honey: Il primo passo riguarda il portfolio e non è solo il lavoro che c'è, a seconda di quello per cui ci si candida, ma anche il modo in cui è messo insieme. Penso che i portfolio della maggior parte delle persone, se non sono designer, in un certo senso... non si preoccupano dell'aspetto del design e se non avete intenzione di preoccuparvi, va bene, allora non provateci nemmeno. Voglio dire, se siete solo un animatore,Mandateci il vostro reel su Vimeo e un piccolo blurp. Penso che per noi, poiché siamo tutti creativi e se non vediamo che tutto è stato pensato fino all'ultimo dettaglio, ci dissuadiamo. Quindi, se questo ha senso, penso di dire che se avete intenzione di candidarvi qui, dovreste considerare tutto prima di candidarvi e il modo migliore per mostrare il vostro lavoro in modo da far brillare il vostro talento.

Joey Korenman: Si tratta quindi di creare un'esperienza per chiunque apra l'e-mail che sembri progettata?

Ryan Honey: Beh, non trascurare nulla. Quindi, è come se usassi questo strumento gratuito per i siti web, o come si chiama, non so come si chiamano, ma...

Joey Korenman: Behance o qualcosa del genere.

Ryan Honey: Beh, non Behance, ma si può fare un buon lavoro su Behance, ma Weebly o quello che diavolo è e che ha una barra in alto e poi fa un sito di merda con qualche brutto... E non funziona correttamente o i link sono mal disposti, mal progettati, se non hai intenzione di dedicarci del tempo, allora molto probabilmente nessuno lo guarderà, questo è il mio punto di vista.

Joey Korenman: Va bene, quindi si tratta di lavoro e poi ovviamente ci sono i valori aziendali e cose del genere. C'è un modo in cui qualcuno può segnalare, mentre si candida, che ha bevuto l'acqua calda, che è pronto?

Ryan Honey: No, non credo. Voglio dire, credo che questo emerga dal lavoro e in genere non leggo le e-mail se non dopo che il lavoro mi è piaciuto. Quindi, quando arriva, guardo prima il lavoro, se c'è qualcosa, poi vado all'e-mail, guardo l'e-mail ma non c'è nulla da dire, non credo.

Joey Korenman: Giusto.

Ryan Honey: Non c'è bisogno di baciarsi le chiappe o altro.

Joey Korenman: È fantastico e poi... Ti colpisce di più se hanno lavorato con grandi clienti o se il loro intero portfolio è costituito solo da lavori personali, questo ti preoccupa?

Ryan Honey: No, assolutamente no. No, finché si tratta di un lavoro ispirato e che mostra una dedizione al mestiere, allora va bene.

Joey Korenman: Capito. Quindi la risposta è essere davvero bravi.

Ryan Honey: Più o meno, sì.

Joey Korenman: Sul serio, questa conversazione è stata molto soddisfacente per me, che ho ammirato Ryan e Buck per anni. Quello che lui, Orion e l'intera azienda hanno fatto è davvero notevole ed è un esempio straordinario di ciò che si può costruire se si ha una visione chiara, dei principi guida e una sana dose di talento. Non ringrazierò mai abbastanza Ryan per aver dedicato così tanto tempo a questo progetto.per aver parlato con me e per essere stato così aperto su come lavora Buck, sui suoi primi giorni come corriere in bicicletta della marijuana e su tutto il resto che abbiamo affrontato. Spero che qualcuno là fuori che sta ascoltando si ispiri e si applichi a Buck e si ritrovi tra l'élite di MoGraphs nel Valhalla dei fotogrammi chiave e questo è tutto per questo episodio. Questo è stato un episodio speciale. Quindi grazie mille per aver ascoltato.Alla prossima volta.

Scorri verso l'alto